giovedì 10 settembre 2009

Di browser e risoluzioni

Di recente ho avuto non poche discussioni con un cliente riguardo la compatibilità del suo sito con Internet Explorer 6. Quanto IE6 sia stato odiato (più da che fa web design che dagli stessi clienti, temo) non è certo cosa nuova: abbondano siti e blog colmi di astio per questo browser, e la stessa Microsoft ha provveduto a correggere il tiro con Explorer 7 nel 2006 e più di recente con l'8.

Inutile dire che al crollo progressivo di IE6 ha corrisposto un progressivo aumento dei browser alternativi, Firefox su tutti e, più di recente, Safari. Un po' com'è successo con Windows Vista, insomma (ok, CyberLuke, questa me la potevo risparmiare :D).

Le statistiche di W3Schools, in questo senso, sono illuminanti. Come tutte le statistiche, è chiaro, sono rilevanti fino ad un certo punto - ma riescono comunque a dare un'indicazione del trend generale.

In un anno, IE6 è passato dal 24.5% al 13.6%, e il collega IE7 ha perso quasi altrettanto assestandosi su un 15,1%. In totale, i browser di casa Microsoft sono passati dal 50% dell'agosto 2008 al 40% di oggi, nonostante l'ingresso di Internet Explorer 8 col suo 10% delle utenze.

Firefox, invece, è in progressivo e costante aumento già dal lontano 2006, e porta a casa la fetta più grossa di utenze: 47,4%, più dei tre browser di casa Microsoft messi insieme. Il neonato Google Chrome riscuote discreti successi (+4% in un anno), meno soddisfacente Safari (+1%).

Altrettanto interessante (anche se, di solito, meno considerato) è la risoluzione media dei monitor. La statistica fornisce dati annuali, che mostrano una totale scomparsa dei 640x480 (e vorrei vedere...) e un drastico calo degli 800x600. I più premiati sembrano essere quelli superiori a 1024x768, anche se quest'ultimo si difende con un buon 36%. Se scomparirà, inutile dirlo, l'orizzonte del web design potrà finalmente premiare siti più grandi, che sfruttino a pieno le alte risoluzioni e le proporzioni wide dei monitor.

2 commenti:

Gianluca ha detto...

Personalmente ho smesso di supportare IE6 e lo faccio solo se richiesto esplicitamente dal cliente.
Con costi aggiuntivi.

OniceDesign ha detto...

Fosse per me, attiverei l'autodistruzione su tutti i PC con Internet Explorer installato, indipendentemente dalla versione.